Redazione viapadova.org/ Marzo 22, 2019/ Associazione Ciclofficina Pontegiallo, Associazione City Art, Circolo IAM, CORE-lab, Eventi, Legambiente Crescenzago Milano, News/ 0 comments

La grande semina di papaveri rossi per COLOR EARTH

A pochi passi da via Padova, sull’asse di viale Monza, il 23 e il 24 marzo si svolgerà la semina di papaveri rossi nello spartitraffico di viale Monza fino a Sesto San Giovanni. In questi ultimi giorni sono stati portati a termine i lavori di preparazione del terreno, in vista di questa due giorni di grande partecipazione del quartiere.

COLOR EARTH è un progetto di rigenerazione urbana e community art ideato da Angelo Caruso, finalizzato alla realizzazione di installazioni ambientali a Milano e Matera, curato da City Art. L’istallazione vuole essere un segno effimero che rimanda alla sottostante linea 1, la metropolitana rossa, un’arteria vitale che percorrendo la città esprime lo spirito di una Milano che negli ultimi anni è sempre più impegnata a integrare e rammendare il centro con la periferia.

Il progetto coinvolgerà cittadini e condomini e ha già visto l’attivazione di associazioni del territorio e commercianti. Anche la rete di Via Padova la strada che unisce supporta quest’opera d’arte a carattere ecologico e ambientale, motore di aggregazione e attivazione di processi virtuosi nello sviluppo della qualità urbana. Durante la tre giorni di Fa’ la cosa giusta Angelo Caruso è passato a trovarci al nostro stand per raccontarci il suo progetto.

L’iniziativa ha visto inoltre la partecipazione dei più giovani, grazie al coinvolgimento di diverse scuole che hanno preparato gli spaventapasseri a difesa dei semi da posizionare nello spartitraffico.

COLOR EARTH è un’operazione artistica pensata per riportare l’attenzione del pubblico su valori sempre più trascurati dalla società globalizzata, come la salvaguardia del territorio e la crescita sociale ed economica nel rispetto della qualità della vita degli individui e delle comunità.

(fonte: Facebook COLOR EARTH Linea Rossa)

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*